La Cattedrale e la New York Choral Society

Ritratto di Angelo Sciortino

30 Giugno 2012, 12:22 - Angelo Sciortino   [suoi interventi e commenti]

Versione stampabileInvia per email

Ieri a piazza Duomo una grande serata di musica corale. Un evento eccezionale per due ragioni: perché la cornice era quella della Cattedrale normanna, essendo il coro distribuito nella scalinata di questo monumento, e perché il coro era quello della New York Choral Society, che si è esibito in oltre 80 concerti alla Carnegie Hall e in 35 all'Avery Fisher Hall. Si è anche esibito nel Metropolitan Opera House, Alice Tully Hall, al New York State Theater, alla Brooks Atkinson Theatre, alla Brooklyn Academy of Music, al Conservatorio di Musica di Philadelphia, al Centro Colden, al Queens College, alla Sinagoga centrale, alla Chiesa di St. Paul l'Apostolo, alla Chiesa di San Bartolomeo, alla Cattedrale di St. John the Divine, alla Cattedrale di St. Patrick, Riverside Church, alla cattedrale di Notre Dame a Parigi, alle cattedrali di Chartres e Reims, alla Basilica di San Marco e alla Chiesa di Santo Stefano a Venezia, allo Shanghai Grand Theater, Shanghai Opera House, Beijing Concert Hall, Teatro Century a Pechino, e alla Sala Nezahualcóyotl a Città del Messico.

Ho avuto modo, tra le prove e l'inizio dello spettacolo, di parlare con Karen J. La Rosa, membro del Coro e suo portavoce. Direttamente dalla sua voce ho così appreso che il coro non è formato da professionisti, ma da persone che amano cantare e, sebbene impegnate in altri lavori, dedicano un giorno alla settimana, a partire da settembre e fino a maggio, allo studio e all'allenamento per le esibizioni estive.

Karen è titolare dell'agenzia di viaggi “La RosaWorks” di New York e proprio dal coro ha avuto l'incarico di organizzare un viaggio di vacanze per questo inizio d'estate. Un'occasione che Karen ha subito sfruttato per portarlo in Sicilia, nell'Isola dove oltre un secolo fa ha avuto inizio la sua famiglia e in particolare a Cefalù, dove lo scorso anno era venuta in vacanza, raccogliendo un'impressione di grande ammirazione per le sue bellezze.

Così, ecco questo coro di fama internazionale a Cefalù, sparso in diversi alberghi, perché troppo numeroso per trovare ospitalità in un solo albergo.

Come nelle loro abitudini, hanno voluto lasciare un ricordo della loro presenza, offrendo spontaneamente e non a richiesta una loro esecuzione gratuita. Come faranno questa sera a Montalbano Elicona e il 2 luglio a Catania, dove le loro esecuzioni cesseranno, per poter continuare la loro vacanza siciliana da turisti senza impegni.

Totò Marsala, sponsor della manifestazione insieme all'Hotel Costa Verde, all'hotel Artemis e altri, ha offerto alcune stampe e un libro su Cefalù frutto della sua encomiabile opera di editore. Il dono è stato consegnato dal Sindaco alla fine della splendida esibizione, che era stata diretta dal direttore John Daly Goodwin,     

   al quale il Coro deve il raggiungimento della sua eccellenza corale.