TRAFFICO: si possono evitare le file del 25 aprile, del primo maggio e di tutti i giorni di punta della stagione estiva?

Ritratto di Saro Di Paola

2 Maggio 2019, 19:20 - Saro Di Paola   [suoi interventi e commenti]

Versione stampabileInvia per email

Il traffico che si è registrato lungo le strade urbane ed extraurbane di Cefalù nei giorni del 25 aprile e del primo maggio è stato da stimolo per molti post sui social.

Ai post sono seguiti moltissimi commenti.
Secondo molti commentatori la soluzione per evitare le interminabili code e la paralisi della circolazione, che si registrano, sistematicamente, ogni anno in quei due giorni, nelle domeniche della stagione balneare ed in tutto il mese di agosto, sarebbe quella di realizzare parcheggi e aree di interscambio modale ad occidente e ad oriente della cintura urbana, serviti da navette per il trasporto in centro dei visitatori o bagnanti che siano.

Sarebbe una soluzione possibile?
Si potrebbe attuare?
Sarebbe risolutiva?
A mio giudizio NO!
Ne ho spiegato le ragioni nel post che ho pubblicato su questo blog (http://www.qualecefalu.it/node/20694) il 4 maggio 2017.

Lo ripropongo integralmente e sotto lo stesso titolo.


Ad oggi, infatti, rispetto alla questione TRAFFICO,  NULLA, assolutamente nulla, è CAMBIATO.
Impiegare Vigili Urbani, al bivio per Campella, al bivio di Gibilmanna, in quello per Pietragrossa e in quello dell'hotel Artemis e chiudere gli accessi ad alcune strade interne serve a ben poco.
Anzi non serve affatto.
 

Nel riproporre il mio post, preciso, che si era in piena campagna elettorale per le amministrative del 2017 ed i candidati a Sindaco e a Consigliere comunale, che avevano affrontato ed affrontavano la questione traffico, ritenevano la soluzione proposta dai commentatori l’unica possibile.
Sarebbe dovuta essere la soluzione che, se eletti, si sarebbero impegnati ad adottare, risolvendo così l'annosa, ultradecennale questione TRAFFICO.
Una questione che, come si coglie nel mio post del 2017, richiede misure estreme.

A MALI ESTREMI, ESTREMI RIMEDI.
Ai riguardo, VENEZIA DOCET.
A Cefalù, come a VENEZIA, sono in gioco la VIVIBILITA' e la SALVAGUARDIA DELLA CITTA' E DEL SUO TERRITORIO.

 

Il mio post del 4 maggio 2017:

Molti dei vacanzieri che avrebbero voluto trascorrere a Cefalù il pomeriggio e la serata del 25 aprile e del primo maggio hanno preferito cambiare destinazione o tornarsene nei luoghi di provenienza.
Ciò, dopo avere percorso qualche centinaio di metri del tratto di strada statale tra Settefrati-Mazzaforno e Figurella-Santa Lucia.

Sì perché era sino a Settefrati, ed anche oltre, che si allungava la teoria di autoveicoli  in entrata  a Cefalù dal lato di Occidente.
Una teoria, che, almeno nella fascia oraria tra le 16,00 e le 19,00 di quei giorni festivi, si è snodata, ininterrotta, sino al bivio di via San Pasquale, per continuare, sempre ininterrotta, lungo la via Pintorno ed il lungomare Giardina.
Una fila di auto “attaccate” l'una all'altra, che, “ai semafori”, incrociava la fila della corsia opposta, che, dall'imbocco della via Cavour si allungava sino alla via del Terzo Millennio.

Un serpente di autoveicoli che si mordevano la coda nel miraggio di trovare  uno stallo, nel quale fermarsi e che, in quella fascia oraria, era pressoché impossibile da trovare.

Uno dei tanti visitatori che, scoraggiati dalla lunghezza della fila, hanno fatto inversione di marcia è stato il Signor Fabio Papania, che, commentando  un post pubblicato su facebook dal  Consigliere Marco Larosa sulle promesse elettorali di questi giorni impossibili da mantenere, ha scritto:
La gente non è più stupida, si informa, capirà che non si può continuare a credere alle belle parole, alle false speranze o promettere ciò che non si potrà mantenere....... non cambierà così la nostra Cefalù......Domenica volevo scendere a Cefalù e intorno alle 17,00 la fila delle macchine arrivava a Mazzaforno, traffico bloccato si camminava a passo di formica tanto che mi sono scocciato e me ne sono tornato a casa.....tornando a casa mi chiedevo:
possibile che non si possa far nulla per la viabilità in una cittadina come Cefalù?
Possibile non avere parcjheggi?
È possibile che con un intasamento del genere saltino anche i servizi pubblici?
Peggio è se deve passare un mezzo di soccorso”.

 
Per cercare di dare risposte alle domande di Fabio Papania a soccorrerci possono essere, soltanto, i numeri.
Il primo di tali numeri è quello degli autoveicoli, che, nella fascia oraria durante la quale più lunghe sono state le file, hanno paralizzato la rete viaria cittadina.
In mancanza di un rilevamento mai effettuato, proverò a stimarlo.
Ipotizzando in 8 Km la lunghezza totale del serpente di autoveicoli, che si snodava da Mazzaforno all'imbocco di via San Pasquale, dalla via del Giubileo Magno all'imbocco di via Cavour, nonché lungo le stesse vie, la via Pintorno ed il lungomare Giardina ed assumendo in 8 m l'interasse tra un autoveicolo e l'altro, può essere stimato in 1.000 il numero degli autoveicoli, che, nella predetta fascia oraria procedevano “a passo di formica” alla ricerca di uno stallo libero.
Limitando la fascia oraria a sole 2 ore ed ipotizzando che ogni autoveicolo abbia impiegato un'ora per uscire dalla fila avendo trovato uno stallo libero o, non avendolo trovato, incolonnandosi nella fila in uscita lungo la via Vazzana o la via Bellini, si può stimare in 2.000 il numero di autoveicoli in entrata.

L'unica soluzione che si potrebbe adottare per evitare il formarsi delle predette file, sarebbe quella di realizzare un'area di interscambio nella zona di Mazzaforno-Settefrati con 2.000 posti auto ed una stazione per bus navetta, a bordo dei quali i visitatori potrebbero raggiungere il centro.

Ebbene, considerato che per un posto auto, compresa l'area di manovra, sono necessari 25,00 mq,  l'area o l'infrastruttura di interscambio modale dovrebbe avere una superficie utile di 50.000 mq.
Assumendo in 2,5 il numero medio dei visitatori a bordo di ogni autoveicolo, sarebbe di 5.000  il numero delle persone da trasportare in centro con bus navetta.
Nell'arco di 120 minuti.
Il che con “bus navetta” da 50 posti richiederebbe 100 corse in 120 minuti.

2.000 autoveicoli in 2 ore50.000 mq di area di interscambio modale e 1 “bus navetta” ogni 72 secondi sono numeri che parlano da soli.
Impietosi.
Dicono che, per evitare la paralisi del traffico in particolari fasce orarie dei giorni festivi e di quelli di punta della stagione estiva, è impossibile l'unica soluzione possibile.
Promesse elettorali in tal senso sono impossibili da mantenere.
“Ad impossibilia nemo tenetur”.

A meno  che non si prometta di realizzare, nella zona di Mazzaforno un round about con l'obbligo di inversione di marcia per gli autoveicoli in entrata,  una volta esauriti i posti auto disponibili all'interno del perimetro urbano. 

Saro Di Paola, 4 maggio 2017

Commenti

Allora caro Saro, tu cosa proponi.... illuminaci...... un ticket di ingresso per i non residenti?? Grazie 

Caro Giovanni, a Venezia oltre al ticket d'ingresso hanno messo i tornelli.
A Cefalù, ticket d'ingresso e a posti auto completi: dietro front.