RADDOPPIO FERROVIARIO: solo un aneddoto

Ritratto di Saro Di Paola

13 Giugno 2019, 20:08 - Saro Di Paola   [suoi interventi e commenti]

Versione stampabileInvia per email

Quasi due mesi addietro sono stato invitato ad un incontro sul raddoppio ferroviario e sulla fermata di Cefalù, presso la sede RFI di Palermo.

Al termine dell’incontro, nel salutare il Dirigente di RFI che lo aveva presieduto per rispondere ai quesiti, che gli erano stati posti, gli ho detto testualmente:
Se ho interloquito è perché le vicende del raddoppio e della fermata di Cefalù mi appassionano.
Non foss’altro perché sono l’unico cefaludese, che, avendo cominciato ad occuparsi del raddoppio ferroviario, nel 1978, da ventottenne consigliere comunale, ne continua a seguire le vicende, ancora nel 2019, da cittadino alla soglia dei settant’anni.
Il 18 aprile scorso, sono stato presente alla “cerimonia” organizzata davanti all’imbocco della “finestra  Sant’Ambrogio” e, dopo avere ascoltato gli interventi dei politici e dei tecnici, sono stato l’unico dei presenti ad avere dato loro sulla voce.
A loro, che si erano compiaciuti nel sostenere che il sogno di arrivare in treno a Cefalù dall’aeroporto di Palermo diventerà realtà entro il mese di giugno del 2023, ho replicato, il giorno dopo su questo blog (www.qualecefalu.it/node/23033), scrivendo che avevano dato i numeri.

Per concludere il mio saluto, ho manifestato tutto il mio pessimismo al Dirigente di RFI, così:
alla soglia dei settant’anni sono convinto che neanche se campassi 100 anni riuscirò a prendere il treno che mi porti dritto all’aeroporto di Palermo”.

Il Dirigente di RFI mi ha, testualmente, detto:
“Il 18 aprile a Sant’Ambrogio ero presente anche io.

   

Non sul palco ma tra il pubblico.
Quando hanno detto che i lavori saranno ultimati entro la fine del mese di giugno del 2023 sono stato tentato di chiedere “a che ora?”.
Quanto al suo timore di non riuscire a prendere il treno per l’aeroporto neanche se campasse 100 anni, mi sento di rassicurala, pensi a campare…. il treno lo prenderà ….lo prenderà, solo che non so dirle dove lo prenderà”.

Sin qui l’aneddoto sul raddoppio.
“Intelligenti pauca” o lapsus freudiano?
Fate voi.

Saro Di Paola, 13 giugno 2019

Commenti

Direttamente all'aeroporto da Cefalù ci si potrebbe andare già ora, sel la Regione pagasse la RFI per questo servizio!

Saluti

Egregio Signor Gagliano, a raddoppio ultimato la frequenza delle corse Punta Raisi-Cefalù sarà di 20 minuti, con tempi di percorrenza molto inferiori a quelli attuali.
Così, almeno, venne detto dopo che la linea ad alta velocità Palermo-Messina è stata declassata a linea veloce e ridotta alla tratta Palermo-Castelbuono.