Si inaugura a Cefalù il 6 dicembre l’IDCT - International District for Congress and Training

Ritratto di Quale Cefalù

4 Dicembre 2019, 21:33 - Quale Cefalù   [suoi interventi e commenti]

Versione stampabileInvia per email

Primo Simposio sul Turismo
“Smart Tourism e nuove opportunità”

Cefalù, 6 Dicembre 2019

 

L’organizzazione di tale simposio, volto alla realizzazione di incontri bilaterali tra operatori turistici ed esperti del settore, definisce e rappresenta la naturale conseguenza delle azioni realizzate da anni da UET Italia - Scuola Universitaria Europea per il Turismo e segna l’apice di un percorso di studi e promozione del mercato italiano in ambito turistico.

La finalità della giornata è quella di trasmettere ai partecipanti una visione sistemica del territorio, offrendo garanzia di un’esperienza dinamicamente specifica delle tradizioni, all’insegna della qualità e tale, dunque, da invogliare ad inserire la destinazione turistica “Sicilia” negli obiettivi turistici di flussi, che si prevedono estremamente consistenti, stimolando l’interesse verso prodotti turistici di tipo religioso, artistico, nonché enogastronomici di eccellenza e suscettibili di pacchetti e circuiti turistici peculiari.

Gli apporti previsti rappresentano una preziosa occasione per implementare relazioni e risorse già disponibili, ai fini di una corretta analisi dell’offerta, finalizzata a stimolare l’incoming in territorio siciliano, che intende partecipare con i propri rappresentanti alla promozione di offerte turistiche integrate.

Prendono parte a codesta iniziativa la Diocesi di Cefalù,i tour operator, le aziende vitivinicole ed i produttori locali di food&wine opportunamente selezionati, Dipartimenti, Associazioni. Distretti, Enti di Ricerca, Docenti universitari, Cariche istituzionali politiche e i rappresentanti delle istituzioni scolastiche

Piano Generale Attività:

L’analisi si fonderà sull’individuazione delle singole vocazioni territoriali, seguendo il filo conduttore del patrimonio ecclesiastico, artistico e culturale, della variegata offerta enogastronomica per valorizzare al meglio le peculiarità dell’area presa in considerazione, cercando di rispondere alle sollecitazioni di utenti con specifiche e definite esigenze, nonché curiosità peculiari alla loro cultura. La valenza di tale simposio è quella di individuare interessi e bisogni culturali di una tipologia di turisti da soddisfare, al fine di poter creare una risposta ottimale in vista della fidelizzazione della clientela per un duraturo prosieguo nel tempo del flusso turistico. L’evento rappresenta una occasione per recuperare le origini per promuovere il territorio e valorizzare le eccellenze culturali (beni materiali e immateriali): i monumenti, i prodotti agroalimentari e le tradizioni collegate al territorio.

Una giornata per focalizzare gli aspetti salienti di un progetto di sviluppo sostenibile che si fonda sull’identità e la cultura, sulla salute e sulla sostenibilità sociale e ambientale che parte dal passato, dalla tradizione, celebra il presente, le risorse locali e guarda al futuro attraverso la ricerca, l’innovazione, l’aggregazione e la sperimentazione.

Il simposio, oltre alla presentazione dei territori e dell’offerta turistica, toccherà il tema dello sviluppo e della competitività dell’area turistica di riferimento, connessa all’aspetto enogastronomico.