"Ne uccide più la penna che la spada"

Ritratto di Angelo Sciortino

12 Aprile 2020, 16:31 - Angelo Sciortino   [suoi interventi e commenti]

Versione stampabileInvia per email

La foto pubblicata dalla testata locale a corredo del suo articolo

 

Carlo Levi titolava un’opera, dedicata alla denuncia della condizione sociale nella Sicilia del suo tempo: “Le parole sono pietre”. Un’espressione forte, assertiva, che ha presto sciolto il legame diretto col testo per assumere valenza polisemica. Le parole hanno un peso, una forza propria. Chi le maneggia deve essere cosciente della responsabilità che assume nel farlo, in particolare se esse sono destinate a influenzare i destinatari che, nel nostro caso, sono i lettori.

Chi assume l’onere di cimentarsi nell’esercizio dell’opinione dovrebbe mantenersi in rotta con la stella polare che è la corrispondenza biunivoca della parola, da un verso, al suo significato, all’etimo, dall’altro alla realtà sottostante che intende rappresentare. È, tuttavia, vero che uno dei mali del nostro presente sia costituito dall’uso leggero, superficiale, talvolta spregiudicato, delle parole, sul presupposto che esse siano agevolmente intercambiabili in base alla reazione emotiva di chi le riceve. E per questa pessima abitudine indiziati, insieme ai politici, sono i cosiddetti “opinionisti”. Quando si scrive per cercare di procurarsi tifoserie niente di più facile che manomettere la valenza semantica delle parole per farne corpi contundenti con cui colpire i lettori. Senza troppo riflettere sulle conseguenze di certi usi disinvolti di esse. Appunto, parole come pietre. Che se scagliate a sproposito fanno male, rovinano esistenze, distruggono reputazioni, inquietano, allarmano, creano disordine. Insomma, il peggio che dà fondamento di verità a un proverbio antico per il quale “Ne uccide più la penna che la spada”.

E ora giudichiamo, in questa luce, il seguente titolo di un articolo pubblicato ieri su una testata locale: Cefalù, polmoniti anomale al Giglio: la lettera denuncia pervenuta alla redazione.

Intanto il plurale, polmoniti. Poi l'aggettivo, anomale. Che cosa può pensare il lettore, leggendo? Se poi aggiungiamo il testo della lettera dalla quale il giornalista prende le mosse, la cattiva informazione dilaga. Se quella lettera dice il vero, non capisco perché il suo estensore non l'ha presentata alle Autorità Giudiziarie, sollecitando le indagini, e ha scelto invece di farla pervenire a una testata giornalistica, che non ha il compito di svolgerle tali indagini.

È così che il meccanismo innescato dalla notizia dell’insorgere della malattia, lasciando intendere una sua possibile diffusione, prima epidemica poi pandemica, si conclude in un insolito cortocircuito. Non v’era alcun bisogno, dunque, di provocare allarmismo, giacché ciascun lettore mediamente intelligente è consapevole di essere messo di fronte a un problema, per il quale non è attrezzato a rispondere.

Commenti

Caro Angelo, lungi da me qualsiasi polemica. Ma, non posso esimermi che, a seguito di un nostro comunicato come "Movimento Consumatori" tu abbia commentato scrivendo: "Mi sembra che la lettera sia in ritardo". Non ti ho riposto allora e, non intendo farlo nemmeno adesso. Ma, per chiedere o avere giustsizia, non ci sosno termini se non quelli rappresentati dalla "PRESCRIZIONE". E, non volendomi dilungare oltre, ti voglio semplicemente rinfrescarti la memoria riportando le frasi di un tuo articolo del 18 marzo c.a. (www.qualecefalu.it/note/23737) dove alla fine così scrivevi: "Lascio ai parenti dei degenti le azioni legali di denunzia, poiché é loro intenzione di non lasciare nulla di intentato per accertare verità e responsabilità, come incontrandomi mi hanno detto. Nell'attesa di una tale azione, però, non sarebbe male leggere un comunicato della dirigenza dell'ospedale, che faccia conoscere i particolari di questa odiosa vicenda. In fondo, essa non deve assicurare soltanto cure ai malati, ma anche e soprattutto che l'ospedale garantisce anche il rispetto di un'etica." Così scrivevi! E, a proposito di morti (non so se di polmonite/i o altro) durante la degenza di mia suocera ce n'é stato qualcuno dove ho assistito, coi miei occhi, all'intervento delle forze dell'ordine. Come é normale, credo, di quando qualche parente vuole accertarsi del perché un proprio congiunto muoia. Noi, come associazione e con il nostro legale, siamo a disposizione di chi volesse intentare un'azione legale. Un caro saluto, vecchio mio!

Caro Giovanni,

ricordo bene l'articolo, al quale ti riferisci, e soprattutto la conclusione, che hai avuto la bontà di riportare. La ricordo e la confermo. Dubito, però, che essa possa ritenersi pertinente con l'articolo che commenti. Esso riguarda un modo scandalistico di riportare fatti non provati, per i quali le indagini spettano soltanto all'Autorità Giudiziaria. La stampa, e chi per essa scrive, non può né deve riportare dicerie, ma fatti incontrovertibili. Nel caso da me descritto nell'intervento, al quale hai avuto la bontà di richiamarti, i fatti erano incontrovertibili e invece di esprimere un giudizio di condanna, ho preferito sollecitare la direzione dell'ospedale di chiarire; in questo caso, invece, non sono stati chiesti chiarimenti e si è preferito emettere una personale sentenza di condanna in forza di dicerie, scavalcando l'Autorità Giudiziaria, che ne avrebbe potuto accertare la sussistenza.