La città come strumento di progresso

Ritratto di Angelo Sciortino

28 Dicembre 2020, 21:42 - Angelo Sciortino   [suoi interventi e commenti]

Versione stampabileInvia per email

Mi piacerebbe che i vari politici promotori della “Via della Seta” conoscessero un po' di storia cinese; mi piacerebbe pure che coloro che guardano con timore alla Cina che nel prossimo decennio supererà gli Stati Uniti in quanto a ricchezza, si chiedessero dove e come nasce il progresso.

Dove avviene il progresso? La storia della civiltà è per molti versi la storia della città. È la città che ha contribuito a creare e definire il mondo moderno.

Hangzhou nel 12 ° secolo in Cina, durante la cosiddetta "rivoluzione economica" pre-moderna della tarda dinastia Song, fu una città proto-industriale. Con le sue innovazioni nella stampa e nella produzione, è stata la città che diede avvio a una prima rivoluzione industriale rispetto a qualsiasi altro stato pre-moderno". La dinastia Song, che si protrasse dal 969 al 1276 d.C., fu un'epoca di dinamismo e invenzione. Attraverso il commercio e l'industria, l'impero Song divenne il più ricco della Terra. La capitale dinastica, Hangzhou, era la città più ricca e popolosa del mondo. La Cina dell'era Song è diventata il primo paese a stampare moneta cartacea, che è molto più facile da trasportare in grandi quantità rispetto alle monete di metallo. Hangzhou fungeva da centro per la stampa di denaro e da fulcro di innovazione e creatività.

Durante l'era Song, la persona cinese media ha sperimentato una crescita straordinaria del proprio livello di reddito con l'espansione dell'economia. L'economia è cresciuta grazie ai nuovi progressi tecnologici e agricoli e alle rotte commerciali efficienti, che hanno prodotto un mercato autenticamente nazionale. L'era ha anche assistito a un significativo aumento degli scambi internazionali, poiché i mercanti cinesi hanno ampliato le loro reti commerciali fino all'Africa orientale. La crescita della ricchezza ha contribuito a motivare l'adozione della moneta cartacea, poiché le persone si sono trovate a dover gestire transazioni più grandi rispetto al passato.

Oggi Hangzhou è una delle principali basi commerciali della Cina. È anche il capolinea meridionale del Canal Grande, che è il fiume artificiale più lungo del mondo e un patrimonio mondiale dell'UNESCO. Fedele alla sua ricca storia di innovazione, Hangzhou continua a fungere da fulcro delle imprese. Hangzhou ospita le sedi di varie imprese del settore Internet come il gigante dell'e-commerce Alibaba ed è un centro tecnologico in crescita. Hangzhou è il cuore dell '"area metropolitana di Hangzhou", la quarta area metropolitana della Cina per popolazione, e ospita circa 20 milioni di persone. Hangzhou è anche una popolare destinazione turistica in Cina. Hangzhou conserva molti siti culturali ben conservati, che mostrano la storia della città. Ha anche un grande parco a tema basato sulla storia: "Song Dynasty Town" o Songchen—Pieno di rievocatori in costume che ritraggono i residenti dell'età dell'oro della città.

L'esploratore italiano Marco Polo descrisse notoriamente Hangzhou come "la città più bella e magnifica del mondo" e la chiamò la "Città del paradiso" durante una visita nel XIII secolo d.C. Al tempo di Marco Polo la dinastia Song non esisteva più, ma gran parte dell'architettura e della ricchezza della città osservate da Marco Polo erano nondimeno un'eredità di quell'epoca. (Una statua di Marco Polo oggi si erge prominente in un parco in riva al lago della città, ammirando la bellezza di Hangzhou fino ad oggi). Un comune detto cinese fa eco al sentimento di Marco Polo: “Sopra, c'è il paradiso; sotto, ci sono Hangzhou e Suzhou ”, quest'ultima è un'altra bellissima città appena a nord di Hangzhou.

Hangzhou è stata una città importante sin dal VII secolo d.C., quando il suo Canal Grande fu costruito per la prima volta per collegare il centro urbano a Pechino. Oggi, il canale rimane la principale via d'acqua nord-sud della Cina. Ma l'età d'oro della città iniziò quando la dinastia Song ne fece la sua capitale. L'era Song ha visto la rapida adozione della stampa xilografica, una tecnologia che ha sovralimentato la vita intellettuale durante la dinastia Song. Hangzhou si è classificata al primo posto in Cina per volume e qualità della stampa xilografica. La tecnica, che consisteva nell'intagliare testo e immagini in blocchi di legno, coprirli con inchiostro e premere i blocchi contro la carta, ha fornito un modo per produrre in serie libri, documenti e banconote.

La stampa xilografica si sviluppò nei monasteri buddisti per riprodurre testi spirituali, con esempi risalenti al 200 d.C., e il metodo era ben consolidato nel IX secolo d.C. Tuttavia, è stata l'era Song che per la prima volta ha ampiamente adottato la stampa xilografica per scopi non religiosi. Nell'XI secolo d.C., l'artigiano e inventore Bi Sheng (990–1051 d.C.) ideò i caratteri mobili. L'adozione della tecnologia di stampa ha ridotto drasticamente il costo dei libri e ha incoraggiato la diffusione dell'alfabetizzazione. La stampa diffusa non solo ha portato a una vera e propria ondata di produzione artistica come la poesia e i testi drammatici, ma ha anche accelerato il progresso scientifico, ad esempio favorendo la diffusione e il progresso della conoscenza farmacologica e medica.

Se tu, paziente lettore, potessi visitare Hangzhou durante la sua età dell'oro, entreresti in una splendida metropoli piena di arte, commercio, innovazione e spirito di apertura. La folla sarebbe stata formidabile; entro la fine dell'era Song nel 1276 d.C., Hangzhou ospitava circa 1,75 milioni di residenti secondo alcune stime. Questo è leggermente superiore alla popolazione attuale di tante medie città odierne, ma allora rappresentava una concentrazione urbana senza precedenti. Sebbene povera per gli standard moderni, la gente della città era allora la più ricca della Terra. Affacciandosi sul porto, avresti visto grandi navi a più sezioni con un massimo di quattro ponti e una dozzina di vele in un momento in cui gli europei viaggiavano ancora in minuscole galere alimentate principalmente dai muscoli dei rematori.

Grazie ai progressi nella tintura e nella tessitura e agli sviluppi dell'industria tessile, la gente della città avrebbe indossato un'ampia varietà di abiti belli e lussuosi. Non avresti visto molte donne di alto rango andare in giro. Nonostante i numerosi progressi dell'era, fu anche l'inizio della "legatura dei piedi" tra l'élite cinese. Quella pratica crudele consisteva nel rompere ripetutamente le ossa dei piedi delle donne, a partire dalla prima infanzia, per contorcere i piedi in una forma innaturale, che era considerata bella, ma rendeva il camminare fisicamente doloroso.

Nel mercato, vedresti emergere una cultura del cibo che da allora è diventata la definizione della cucina cinese. Durante la precedente dinastia Tang i cereali dominanti in Cina erano il grano e il miglio e la bevanda più comune era il vino. Durante la dinastia Song, il riso e il tè divennero l'alimento e le bevande di base del paese e lo sono rimasti fino ad oggi.

Saresti rimasto affascinato dall'elaborata architettura della città. (I tradizionali tetti ribaltati cinesi hanno avuto origine durante la dinastia Song). Gli straordinari templi di Hangzhou, molti dei quali sono ancora in piedi oggi, erano una testimonianza della diversità filosofica e spirituale dell'epoca. La fusione del pensiero buddista e confuciano ha prodotto un'atmosfera straordinariamente tollerante. Diversi sistemi di pensiero coesistevano e prosperavano. La conversazione divenne una forma d'arte e, man mano che la città divenne più ricca, l'arte di tutti i tipi divenne una parte importante della vita quotidiana. Mentre in epoche precedenti la poesia era limitata a soggetti religiosi, nell'era Song la poesia si espanse per affrontare ogni argomento immaginabile e le gare di poesia erano frequenti.

Hangzhou è stata il luogo di una grande creatività. Nell'XI secolo d.C., il poliedrico Shen Kuo (1031-1095 d.C.) inventò la bussola magnetica. Disegnò anche la prima mappa topografica del mondo e fu la prima persona a registrare il processo di sedimentazione. I taccuini superstiti di Shen hanno raccolto paragoni con quelli di Leonardo da Vinci per la loro ampiezza. Il lavoro di Shen abbracciava argomenti come matematica, astronomia, meteorologia, geologia, zoologia, botanica, farmacologia, agronomia, archeologia, etnografia, cartografia, diplomazia, ingegneria idraulica e finanza. Shen era anche un poeta prolifico.

Un altro intellettuale dell'era Song fu Su Tung-Po (1037–1101 d.C.). Una volta era un governatore di Hangzhou, ma è meglio conosciuto per la sua arte, il lavoro come ingegnere e la poesia perspicace. La poesia di Tung-Po rivela una visione modesta e poco lusinghiera dei funzionari governativi:

Famiglie, quando nasce un bambino
vi auguro che risulti intelligente.
Io ... solo spero che il bambino si dimostrerà
ignorante e stupido.
Allora sarà felice per tutti i suoi giorni e diventerà
un ministro del gabinetto.

Dato che molti dei progressi della città provenivano dal settore privato, l'atteggiamento di Tung-Po era comprensibile. Anche la carta moneta era probabilmente un'invenzione del settore privato. Già durante la dinastia Tang (618–907 d.C.), l'impraticabilità del trasporto di corde di monete pesanti ispirò i commercianti della Via della Seta a utilizzare vaglia cambiari di carta invece per fare acquisti. (Le monete cinesi avevano fori quadrati nel mezzo per consentire l'incordatura). Gli agenti privati hanno originariamente prodotto quelle note. All'inizio della dinastia Song, il governo riconobbe il valore di quell'innovazione e negozi di depositi autorizzati dove le persone potevano scambiare monete con tali cambiali, standardizzando così in qualche modo il sistema. Poi, nel XII secolo, il governo diede un riconoscimento ancora maggiore al concetto di moneta cartacea, emettendo la prima moneta cartacea ufficiale, chiamata Jiaozi. Quelle banconote erano spesso caratterizzate da complesse illustrazioni di commercio.

Durante l'età d'oro della "rivoluzione economica" di Hangzhou, i leader Song riuscirono a evitare in gran parte i conflitti internazionali, disinnescando le tensioni con accordi commerciali e offerte tributarie. Pertanto, Hangzhou era per lo più in pace durante i suoi anni di punta, lasciando i suoi residenti liberi di impegnarsi in imprese che arricchivano ulteriormente la città. Tra il ... 960 e il ... 1127, la Cina attraversò una fase di crescita economica che non aveva precedenti nella storia cinese, forse nella storia del mondo fino a questo momento. Dipendeva da una combinazione di commercializzazione, urbanizzazione e industrializzazione che ha portato alcune autorità a confrontare questo periodo della storia cinese con lo sviluppo della prima Europa moderna sei secoli dopo.

Le fabbriche situate a Hangzhou e nelle altre principali città dell'era Song di Chengdu, Huizhou e Anqi stampavano carta moneta con un disegno uniforme utilizzando blocchi di legno e sei diversi colori di inchiostro. Ogni città utilizzava più timbri per banconote e diverse miscele di fibre nella carta moneta prodotta per rendere difficile la contraffazione. Nel 1175 fino a mille dipendenti potevano aver lavorato nella fabbrica di cartamoneta di Hangzhou ogni giorno. Le prime banconote scadevano dopo soli tre anni e il loro uso era limitato ad alcune regioni dell'impero Song. Poi, nel 1265 d.C., le fabbriche di Hangzhou stamparono la prima vera valuta nazionale. Quella valuta mostrava un design unificato, era accettata in tutto l'impero e il suo valore era sostenuto da argento o oro. Le banconote in carta erano disponibili in vari tagli. Sfortunatamente,

Il concetto di moneta cartacea si è rivelato più duraturo della dinastia Song che lo ha creato. La successiva dinastia mongola Yuan emise la propria moneta cartacea, nota come Chao. Tuttavia, i mongoli non legarono il valore della loro valuta a nulla e stamparono sempre più banconote fino a quando un'inflazione incontrollata non degradò il valore della valuta. La cartamoneta può essere suscettibile all'iperinflazione senza una sana politica monetaria. La moneta cartacea si è tuttavia dimostrata un'invenzione duratura e pratica, che viene ora utilizzata in tutto il mondo.

Sostenuta dalla tecnologia di stampa e dall'efficienza della carta moneta, l'era Song ha visto un flusso costante di scoperte tecnologiche. Questi includevano la bussola, i primi orologi meccanici e l'invenzione della scienza forense. I progressi economici e tecnologici dell'era Song si sono tradotti nel miglioramento delle condizioni di vita per la persona media. Praticamente per ogni misura del benessere umano, dai servizi igienico-sanitari all'alfabetizzazione al reddito medio, la Cina nel XII secolo era superiore all'Europa. Grazie alla pace relativa, al commercio di vasta portata e all'apertura culturale, Hangzhou prosperò e produsse molti risultati, comprese le invenzioni che usiamo ancora oggi.