La democrazia spiegata con un aneddoto.

Ritratto di Angelo Sciortino

17 Settembre 2012, 17:26 - Angelo Sciortino   [suoi interventi e commenti]

Versione stampabileInvia per email

Una volta il re Luigi XIV, il Re Sole, il Re che soleva dire: l'Etat c'est moi, lo Stato sono io; durante una delle sue rare letture incontrò il termine democrazia.

Non ne conosceva il significato né poteva servirsi di un dizionario, perché allora non ne esistevano. Chiamò allora il suo studioso consigliere e chiese a lui di spiegargli il significato.

Costui, che per conoscerlo veramente aveva studiato Greci, Latini e pensatori più vicini nel tempo, andò in ambasce, convinto che spiegarlo a quel Re ignorante in poche parole, sarebbe stato quasi impossibile. Sapeva, però, che quel era sì ignorante, ma era anche intelligente e pieno di buon senso. Così, dopo avergliene chiesto il permesso, così gli parlò:

Supponete, Maestà, di dover fare una scelta nell'interesse della Vostra Dinastia e dello Stato e che per tale scelta avete da una parte il consiglio di un saggio e dall'altra quello di dieci imbecilli, quale seguireste?

Che domanda, rispose il Re, ma quello del saggio!

Ebbene, Maestà, in democrazia avviene esattamente il contrario!

(Aneddoto suggeritomi da un recente dibattito su Facebook)