Il governo va a Monti

ritratto di Nicchi Salvatore

Versione stampabile

Già con buon ritardo sulla tabella di marcia, le priorità dell'Italia, sono cambiate.
Già, l'Euro soffoca, lo spread o come si scrive, vola, la Sicilia e la Calabbria si annegano, l'iva aumenta e con essa anche il malcontento che da sott'ufficiale passa e generale.
Il capo dello stato, con tutto il rispetto, dopo Monti,tira fuori dal cappello la cittadinanza per gli ecstra comunitari, come se in tempi d'emergenza questa fosse una priorità per la nostra nazione.
Ed allora come dice Andreotti, a pensar male si fà peccato, ma si indovina.
Non è che percaso, il buon Napolitano, dopo aver fatto il ribaltone che la sinistra non è stata capace di fare, nonostatante il massiccio impegno, ora vuole allargare la base elettorale sempre a quella nostrana e paranoica sinistra che grida di fare tutto per la nostra nazione? Anche quando alla fine della seconda guerra mondiale chiese l'intervento dei carri armati alla madre Russia, per rincalzare le tuppe di Tito nella zona di Trieste e Dalmazia e del Carso, faceva il bene della nostra nazione vero?
Il lupo perde il pelo e non il vizio!