Per l’operatività del distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco: avanti il prossimo! (quinta parte)

Ritratto di Saro Di Paola

25 Ottobre 2013, 17:24 - Saro Di Paola   [suoi interventi e commenti]

Versione stampabileInvia per email

L’adeguamento del progetto alle mutate situazioni dei luoghi comportò, per l’arch. Di Paola, la rielaborazione della proposta progettuale dell’arch. Battaglia.
Ciò, in particolare, per la parte relativa all’ampliamento dell’edificio esistente, che Battaglia aveva previsto sul terreno a monte dell’ex macello, poi concesso all’ATO, e per il quale Di Paola è stato costretto ad utilizzare l’area adiacente a valle, nella quale insiste un capannone fatiscente di proprietà del Comune.

Di fatto, per l’arch. Di Paola, fu come ricominciare da capo.
In particolare, dal punto di vista delle approvazioni degli organi competenti, tra i quali, per primo, il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Palermo.
Per la parte relativa alle strutture dell’edificio esistente, invece, il “progetto Di Paola” riproponeva le soluzioni del “progetto Battaglia” con la conservazione del vecchio impianto murario e del corpo di fabbrica con copertura a botte.

L’importo del nuovo progetto, che venne presentato al Comune in data 11/06/2009, ammontava, ed ammonta, a 2.440.000 euro ed è risultato ben maggiore del 1.500.000.000 di vecchie lire del “progetto Battaglia”.
A restare invariato, invece, è stato l’importo del contributo di 700.000 euro, che il Ministero dell’Economia e delle Finanze aveva concesso con proprio decreto del 18 marzo del 2005.

Di tale contributo, dopo che venne erogato,  al Comune se ne fece, per dirla in maniera “indolore” per amministratori e tecnici, un uso “improprio”.
Per anni.
Sino a quando, il 27/12/2012, il Sindaco Lapunzina, dopo averlo "riesumato", ha conferito al Responsabile del settore lavori pubblici, ing.Ivan Joseph Duca, l'incarico di elaborare il progetto esecutivo di un primo stralcio esecutivo del progetto generale per l’importo del contributo concesso incrementato da un esiguo impegno di risorse del bilancio comunale.

L’ing. Duca, dopo avere accertato il pessimo stato delle strutture dell’immobile esistente, ha previsto, a mio giudizio molto oculatamente, la totale demolizione della porzione dell’edificio medesimo che sarà interessata dai lavori del primo stralcio, che dovrebbe portare alla costruzione della porzione del nuovo edificio che ho “ritagliato” in rosso nelle immagini che seguono

Tale porzione di edificio si articola su due elevazioni e comprende,
al piano terra:
il centralino, gli uffici (capo distaccamento, capo squadra e capo turno), l’aula didattica ed i servizi igienici;
ed al piano primo:
n° 5 camere da letto per uomini, n° 1 camera da letto per donne con relativi servizi.

Al termine del Primo stralcio dei lavori,Cefalù potrà avere un Distaccamento dei Vigili del Fuoco operativo tutto l’anno” come, il 26 giugno scorso, dopo l’aggiudicazione dei lavori alla Società cooperativa “La Gardenia”, ha dichiarato (http://www.qualecefalu.it/interventi/9) il Sindaco Lapunzina?
Cercheremo di capirlo nella sesta parte.

(continua)

Saro Di Paola, 25 ottobre 2013

______________________________________________________________________________________________________________________

Articoli correlati:

Per l’operatività del distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco: avanti il prossimo! (quarta parte) - Saro Di Paola (http://www.qualecefalu.it/node/4613)

Per l’operatività del distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco: avanti il prossimo! (terza parte) - Saro Di Paola (http://www.qualecefalu.it/node/4382)

Per l'operatività del distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco: avanti il prossimo! (seconda parte) - Saro Di Paola (http://www.qualecefalu.it/node/3978)

Per l’operatività del distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco: avanti il prossimo! (prima parte) - Saro Di Paola (http://www.qualecefalu.it/node/3933)